Legge di Pareto nel Beauty: i clienti non sono tutti uguali!

Marketing Beauty: Legge di Pareto nel Beauty, i clienti non sono tutti uguali!

 

Legge di Pareto nel Beauty: ma i clienti sono tutti uguali? A questa domanda risponde l’esperto di comunicazione nel beauty Giancarlo Fornei.

 

Nel video (poco più di tredici minuti), il coach toscano, consiglia a parrucchieri barber ed estetiste, di analizzare sempre la propria clientela, perché i clienti – precisa – non sono tutti uguali. Anzi…

Secondo la famosa Legge di Pareto detta anche Legge 80/20, il 20% dei tuoi clienti in salone, genera ben l’80% del tuo fatturato. In parole ancora più semplici: supponendo che un salone possa avere cento clienti, venti clienti generano l’80% delle entrate di quel salone e, gli altri ottanta, il restante 20% di volume di affari!

Straordinario, non trovi?

Ciò vuol dire che quel “ventipercento” di clienti, è importantissimo: se ne perdi anche solo uno, è un dramma!

Saper individuare e riconoscere quali sono “questi” clienti, è dunque fondamentale per ogni business. Anche per chi opera nel beauty. Anzi, parrucchieri barber ed estetiste, devono stare particolarmente attenti e cercare di capire come poter applicare la Legge di Pareto all’interno del loro salone.

Giancarlo Fornei ti suggerisce 4 parametri per analizzare i clienti. Parametri che ti aiuteranno a capire quali sono i clienti più importanti che hai, cui devi prestare particolare attenzione e svolgere, su di loro, azioni di customer satisfaction e di fidelizzazione.

Insomma: devi farli sentire importanti!

Ecco i 4 parametri per analizzare la Legge di Pareto (in ordine di sequenza):

  1.  Frequenza di acquisto dei servizi in salone (quante volte il cliente viene nel tuo salone: una volta alla settimana, una volta il mese, una volta ogni 3/4 mesi, una volta all’anno, ecc.).
  2. Volume di acquisto (quanto – la Signora Rossi di turno – ti lascia nel cassetto ogni volta che viene in salone: poco, tanto, cifre importanti).
  3. Riprova sociale (la signora Rossi, si presta a farsi fotografare con te dopo un bel servizio, ti permette di condividere i suoi selfie?).
  4. Acquisto di prodotti in salone (oltre ai servizi, acquista alcuni prodotti che vendi in salone?).

L’analisi di questi quattro parametri, insieme, ti permette di capire se un cliente è importante e dunque, appartiene a quel famoso 20%. Oppure è un cliente come tanti e, dunque, è un cliente come tanti.

Prendi ogni cliente che hai e analizzalo, dandoti delle risposte per ognuno di questi quattro parametri. Poi usa una scala di valori che va da 1 a 10 e fai scendere o salire, i tuoi clienti (analizzati), nella piramide.

Scoprirai, anche tu, quello che è successo all’esperto di comunicazione nel beauty molti, ma molti anni fa, quando decise di analizzare la “sua” clientela fatta di accademie, associazioni, agenzie formative, aziende del beauty, ecc.

Scopri una cosa importantissima: chi aveva dei valori molto alti, era “finito” in quella famosa lista e quella lista, era composta (nel suo caso), da un 21,2% di clientela.

La Legge di Pareto era vera e funzionava…

 

 

Integrazioni utili all’articolo:

  • a questo link trovi un vecchio articolo di Giancarlo Fornei in cui ti spiega bene cosa sia la famosa Legge di Pareto e come venga applicata anche nel mondo del beauty.
  • a questo link, invece, trovi un provocatorio e simpatico video di Marco Montemagno che parla del Principio di Pareto.
  • infine, eccoti un interessante articolo tratto dall’Huffingtonpost in cui si parla del Principio di pareto.

 

 

Video corso Collana Marketing Beauty Facile: Il segreto di un salone di successo

Giancarlo Fornei è autore del video corso “Il Segreto di un Salone di Successo”. Un video corso di 25 minuti circa, che tratta l’argomento accoglienza in salone. Lo trovi a questo link, nella sua doppia versione di acquisto: solo 7 € (la versione audio mp3), 37 € (la versione completa).

 

(Visited 46 times, 1 visits today)
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
YOUTUBE
PINTEREST
LINKEDIN
INSTAGRAM